Iscrizione e mantenimento dell’iscrizione all’Albo CTU

Si rende noto che sono a disposizione degli iscritti le istruzioni e la modulistica per l’iscrizione ed il mantenimento della stessa all’Albo dei CTU del Tribunale di Firenze, secondo quanto previsto dall’art. 8 del Protocollo del 14 dicembre 2017. I predetti moduli, gli unici da utilizzare a quello scopo, sono comunque scaricabili anche dal sito del Tribunale.

Qui di seguito il programma del corso -obbligatorio- proposto dal ns Sodalizio: per informazioni contattare il Dott. G.L. Gori al 380 324 4305 o la Segreteria (055/481650).

IL CONSULENTE TECNICO AUSILIARIO DEL GIUDICE ED IL CONSULTENTE TECNICO DELLE  PARTI 

IN CONFORMITA’ CON IL PROTOCOLLO DEL 14.12.2017, IL COLLEGIO TOSCANO PERITI ESPERTI CONSULENTI PROPONE UN CORSO DI FORMAZIONE PER CONSULENTI TECNICI CHE INTENDONO ISCRIVERSI ALL’ALBO CTU ISTITUITO PRESSO IL TRIBUNALE DI FIRENZE, AL FINE DI ESERCITARE LE FUNZIONI DI CTU E DI CTP NEL PROCESSO CIVILE.

In data 14.12.2017 è stato sottoscritto un Protocollo di intesa tra Tribunale di Firenze, Corte di Appello di Firenze, Procura Generale presso la Corte di Appello, Procura della Repubblica di Firenze, Ordini e Collegi Professionali, Camera di Commercio di Firenze, APE Toscana, Camera Civile di Firenze avente ad oggetto le regole per iscriversi e permanere nell’Albo dei CTU del Tribunale di Firenze

In ottemperanza al  disposto di cui all’art. 15 delle dis. att. c.c. – che disciplina il requisito della “speciale competenza” in capo al Consulente tecnico – l’art. 13 del citato protocollo ha prescritto che la prova del predetto requisito deve essere fornita dal tecnico al momento della richiesta dell’iscrizione all’Albo CTU, allegando la certificazione attestante la frequentazione di un idoneo corso di formazione tecnico-giuridica ed informatica (per quanto riguarda il funzionamento del Processo Civile Telematico), di almeno venti ore, secondo i parametri di cui agli artt. 3 ed 8 del citato Protocollo.

Il Protocollo ha previsto che: “con questo regolamento si tende a selezionale per l’iscrizione e la permanenza nell’albo CTU le migliori professionalità e a valorizzare le specifiche competenze tecniche acquisite, onde consentire ai giudici dei procedimenti civili di avvalersi di ausiliari affidabili e scientificamente attrezzati, con evidenti ricadute positive sulla qualità della giurisdizione”.

Si segnala inoltre che, lo stesso Protocollo ha sancito che: “parallelamente a questa iniziativa il Tribunale di Firenze darà attuazione ai principi di trasparenza e rotazione degli incarichi pubblicando dal prossimo anno, sul sito del Tribunale, gli incarichi che i singoli giudici hanno assegnato al professionista”.

Il Collegio Toscano Periti Esperti Consulenti, con esperienza pluriennale in materia di formazione professionale dei propri iscritti, organizza il presente Corso che si propone l’obiettivo di fornire ai partecipanti ogni competenza, teorica e pratica, al fine di poter correttamente e puntualmente adempiere l’incarico di CTU o CTP, sia sotto il profilo delle  competenze tecnico-giuridiche (informazioni e le nozioni giuridiche necessarie per lo svolgimento dell’attività di CTU e di CTP, dall’inizio dell’attività all’iscrizione negli elenchi del Tribunale ed allo svolgimento dell’incarico, in ogni sua fase) sia relativamente al funzionamento del Processo Civile Telematico.

Piero Calamandrei, nel famoso “Elogio dei Giudici scritto da un avvocato”, scriveva: “in una galleria di Londra c’è un famoso quadro del pittore Champaigne, in cui il cardinale Richelieu è ritratto in tre diverse pose: al centro della tela è visto di faccia, ai due lati è ritratto di profilo, in atto di guardar la figura centrale. Il modello è uno solo, ma sulla tela par che conversino tre persone diverse, tanto è diversa la tagliente espressione delle due mezze facce laterali e più ancora il riposato carattere che nel ritratto di centro vien fuori dalla sintesi dei due profili. Così nel processo. Gli avvocati indagano la verità di profilo, aguzzando lo sguardo ciascuno dalla sua parte: solo il giudice, che siede al centro, la guarda pacatamente di faccia”.

Questo corso si propone, appunto, di formare  sia da un punto di vista tecnico, sia sotto un profilo più pratico-concreto, Consulenti tecnici affinché gli stessi possano fornire quell’ausilio specialistico al Giudice richiesto dal sistema codicistico.

Durata del Corso: 28 ore, più 4 ore per il test finale di apprendimento.

Inizio corso: Sabato 08 Settembre 2018.

Luogo: Collegio Toscano Periti Esperti Consulenti, Via XX Settembre, 78 – 50129 Firenze.

Modulo Giuridico: 20 ore. Frequenza obbligatoria.

Moduli Specialistici: 8 ore. Frequenza obbligatoria.

Requisiti di partecipazione: iscrizione al Collegio Toscano Periti Esperti Consulenti.

Costo del corso: 320 Euro per ogni singolo partecipante.

 

Bibliografia consigliata:

Serena Pollastrini, “Il manuale del CTU. Attività responsabilità e tariffe del consulente tecnico d’ufficio e del consulente tecnico di parte”, Wolters Kluwer Italia, 2016.

Massimo Aleo, “Il nuovo manuale del CTU”, GRAFILL, 2017.

Gennaro Brescia, “Manuale del perito e del consulente tecnico nel processo civile e penale”, Maggioli Editore, 2018.

Franco Pagani, “Il Consulente Tecnico d’Ufficio nel processo ordinario di cognizione”, Argo Editore, 2018.

Dispense ed altro materiale didattico: a discrezione dei docenti. 

 

Modulo Giuridico:

Formazione giuridica del Consulente Tecnico.

(20 ore) 

 

Primo giorno: Sabato 08 Settembre 2018 – 4 ore:  09.30 / 13.30

Docente: Avv. Consuelo Cecconi

 

– Il processo civile: disamina introduttiva delle funzioni del giudice e ruolo delle  parti.

– Il processo civile di cognizione di 1° e 2° grado.

– Il Protocollo CTU del Tribunale di Firenze: requisiti per l’iscrizione e la conservazione.

– Esame dalla disciplina codicistica di cui agli artt. 13 e ss. Disp. Att. c.c.. Nomina e provvedimento di nomina del CTU.

– L’Albo dei CTU: requisiti per l’iscrizione e domanda per l’iscrizione.

– L’Albo dei CTU: funzioni, caratteristiche, limiti ed obblighi del CTU (artt. 61 e ss. cpc).

– Incarico: conferimento, assunzione, astensione e ricusazione (artt. 191 e ss. cpc.)

– Il ruolo del CTP: incarico, condotta ed attività.

 

Primo giorno: Sabato 08 Settembre 2018 – 4 ore: 15.00 / 19.00

Docente: Giudice Dott.ssa Jacqueline Monica Magi

 

– Il consulente tecnico: attività, accertamento e valutazione tecnica dei fatti.

– Il consulente tecnico: il giuramento “interno “ di Ippocrate e la fedeltà alla scienza ed alla coscienza.

– Il giusto processo, il contraddittorio, corrispondenza del chiesto e del pronunciato (iuxa probata et alligata).

– La metodologia peritale del giusto processo: I campi di indagine della perizia; La procedura di analisi; La quantificazione delle conclusioni peritali.

– Le parti, gli avvocati, i collaboratori del CTU ed il CTP. La partecipazione alle operazioni peritali dei CTP, degli avvocati e delle parti.

– Acquisizione dei documenti durante le operazioni peritali e dichiarazioni delle parti.

-Consigli pratici per la perizia o consulenza.

 

Secondo giorno: Domenica 09 Settembre 2018 – 4 ore: 09.30 / 13.30

Docente: Avv. Saura Bardi

 

– Le prove del processo civile: documenti e prove costituende.

– I fatti sospensivi e interruttivi del processo.

– Nullità della relazione e sostituzione del consulente ai sensi dell’art. 196 cpc.

– Responsabilità e mandato del CTP.

– Casistica: quesiti ed interpretazioni.

– Deontologia, condotta, responsabilità del Consulente e tecniche di mediazione.

 

Secondo giorno: Domenica 09 Settembre 2018 – 4 ore: 15.00 / 19.00

Docente: Avv. Antonia Zaccaria

 

– I fascicoli del processo civile: fascicolo di ufficio e fascicolo di parte.

– Gli atti del processo civile: atto di citazione, ricorso, comparsa di costituzione e risposta, memorie e comparse conclusionali.

– Procedure esecutive e procedimenti speciali.

– Operazioni peritali: analisi, risposta ai quesiti, verbali, istanze, memorie del CTP.

– Il PCT: processo civile telematico: esame e studio del sistema telematico; casistica pratica. Quesiti oggetto di perizia.

 

Terzo giorno: Venerdì 14 Settembre 2018 – 4 ore: 09.30 / 13.30

Docente: Avv. Consuelo Cecconi

 

– Il CTU: relazione tecnica ed osservazioni critiche.

– L’istruzione preventiva ATP.

– La procedura prevista dall’art. 696 bis c.p.c., particolarità rispetto all’ATP di cui all’art. 696 c.p.c..

– Il CTU: la funzione conciliativa.

– Tariffe, notula, onorari e spese.

– Decreto di liquidazione e opposizione al decreto.

– Strumenti e tecniche di recupero credito del CTU. 

 

Modulo Specialistico:

Psicologia.

(8 ore)

 

Terzo giorno: Venerdì 14 Settembre 2018 – 4 ore: 15.00 / 19.00

Docente: Prof. Dott. Giuseppe Castellani (Psicologo)

 

  • La figura professionale dello psicologo in ambito giuridico.
  • Le buone prassi per lo psicologo, in veste di CTU e di CTP.
  • Norme deontologiche e correttezza dell’operato. 

 

Quarto giorno: Sabato 15 Settembre 2018 – 4 ore: 09.30 / 13.30

Docente: Dott.ssa Conny Leporatti (Psicologa)

 

  • Metodologia ed aspetti teorici e pratici per la conduzione di una CTU.
  • Psicologia giuridica forense: il rapporto fra CTU e CTP.
  • La relazione scritta: elaborare una CTU efficace, chiara e comprensibile, per il Giudice e per le Parti. 

 

TEST FINALE DI APPRENDIMENTO

(4 ore)

 

Data: Sabato 22 Settembre 2018 – 4 ore: 09.30 / 13.30

 

Direttore del corso: Dott. Gian Luca Gori

(Responsabile Formazione del Collegio Toscano Periti Esperti Consulenti)

 

Test finale di apprendimento, scritto (2 ore): 40 domande a risposta multipla.

 

Test finale di apprendimento, orale (2 ore):  colloquio con i Tutor specialistici per materia.

 

Al termine del corso, verrà rilasciato un attestato di partecipazione ed a coloro che  avranno frequentato un numero minimo di ore 20 del modulo giuridico ed avranno superato positivamente il test finale di apprendimento, verrà rilasciato un attestato utilizzabile, per quanto consentito ai fini di legge, per il soddisfacimento del requisito minimo di cui all’art. 3 del protocollo CTU del Tribunale di Firenze, idoneo all’iscrizione all’Albo CTU del Tribunale di Firenze ovvero al suo mantenimento.